NELLA DIVISIONE VA INDICATO IL VALORE CATASTALE

LA DOMANDA Mio padre, deceduto nel 2013, donò nel 1980 - in maniera indivisa - alcuni appezzamenti di terreni agricoli a mio figlio, all'epoca minorenne, e a mia sorella. Nel corso di questo anno, a seguito frazionamenti fatti dal geometra, vorremmo sciogliere la comunione e fare la divisione. Vi chiedo: a) posso intervenire io al posto di mio figlio con procura speciale notarile? B) è possibile costituire usufrutto a mio favore sui terreni che andranno a mio figlio?Questa circostanza va indicata sulla procura che farà mio figlio? C) sull'atto notarile che valore va indicato: quello catastale o quello commerciale? Si tratta di terreni agricoli.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?