L'AZIONE DI RIDUZIONE CONTRO LA VENDITA FITTIZIA

LA DOMANDA Mia moglie ha un fratello che abita in un appartemento ricavato sopra la casa dei genitori (unica proprietà di famiglia). Circa due anni fa, i genitori hanno venduto l'appartamento con tutte le pertinenze, compreso il cortile, più una taverna al piano terra, di fianco all'appartamento dei genitori, un pezzo di terreno sempre nell'area comune e tre garage nel cortile comune (quindi praticamente tutto, a parte l'appartamento dei genitori al piano terra). L'atto è stato fatto all'insaputa di mia moglie, per un prezzo come da valore catastale (siamo riusciti a procurarci una copia dell'atto); quindi, ad un prezzo irrisorio, oltretutto l'assegno non è stato incassato, ne siamo quasi sicuri. Quindi è stata effettuata una finta vendita. Come può tutelarsi mia moglie? Deve far annullare l'atto, visto che non c'è stato passaggio di soldi da un conto all'altro? Ci potete consigliare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?