UNIONI CIVILI, È OPPORTUNO INFORMARE IL DATORE

LA DOMANDA Vorrei sapere se per ogni contraente di una unione civile vi è l'obbligo di dichiarare al proprio datore di lavoro la nuova condizione familiare, anche nel caso in cui non vi sia la necessità di chiedere gli sgravi per persona a carico, o se questa è una informazione omissibile. Nel caso in cui uno dei due contraenti dell'unione venga a mancare, il superstite avrà diritto al Tfr e alla pensione di reversibilità anche nel caso in cui il datore di lavoro non fosse stato messo al corrente in precedenza della nuova situazione anagrafica?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?