UN'ISTANZA PER SOPPRIMERE SERVITÙ NON PIÙ NECESSARIE

LA DOMANDA Nel 2011 ho acquisto un pezzetto di terreno, dal quale i vicini confinanti usavano spesso passare, pur non essendo il loro fondo intercluso (hanno una grande uscita che dà accesso alla via pubblica, una ventina di metri distante dalla mia uscita). Passavano per raggiungere più agevolmente il cassonetto dell'immondizia, posto in prossimità dell'uscita del mio fondo. Adesso il cassonetto è stato soppresso e, pertanto, l'unica motivazione che può indurre i confinanti a utilizzare il mio terreno è quella di andare a trovare i dirimpettai dall'altro lato della strada. Da quando ho acquistato il terreno non ho impedito loro di passare, ma adesso comincio ad avvertire un certo disagio. Sono obbligato a rispettare questa servitù (se esiste servitù) o posso impedire che si attraversi il mio fondo? Preciso che nell'atto di acquisto del terreno non c'è un espresso riferimento a tale servitù; c'è la formula, credo consueta, di accettare il bene nello stato di fatto e di diritto in cui si trova.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?