L'ALLOGGIO LOCATO DEVE ESSERE AGIBILE

LA DOMANDA Quando si tratta di una nuova costruzione, viene da sé che il tecnico alla fine dei lavori richieda la prescritta agibilità. Spesso, negli interventi di ristrutturazione parziali, ampliamenti miglioramenti, interventi plurimi nel corso degli anni per manutenzioni straordinarie, negli edifici rurali o storici, non viene richiesta.Gli edifici invecchiano, cambiano le leggi, esistono nuovi parametri (vedi l'energetica, l'acustica, l'impiantistica) ma a nessuno viene in mente di verificare se i requisiti sussistono ancora.C'è un criterio oggettivo o qualche obbligo di legge per cui la domanda va presentata? In quali casi è prescritta l'agibilità, oppure quando è facoltativo richiederla (per esempio, negli affitti, mi pare, non esiste obbligo dell'agibilità)?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?