IL VOTO DELL'ASSEMBLEA SUL TETTO DA RIFARE

LA DOMANDA Abito in un condominio di oltre 100 appartamenti, nel centro di Monza. Il nostro tetto ha più di 60 anni e presenta in più punti deterioramenti dovuti al tempo, che provocano numerose infiltrazioni negli appartamenti dell'ultimo piano (circa il 20% dei millesimi).Sono più di 6 anni che in assemblea si affronta la questione tetto e non si arriva ad una deliberazione utile all'intervento di rifacimento necessario, con il risultato che i sinistri e i danni crescono di anno in anno iniziando a riguardare anche situazioni non coperte da polizze assicurative del condominio.È possibile chiedere che l'amministratore intervenga autonomamente? È possibile appellarsi ad un giudice perché imponga l'intervento?Avendo appena completato lavori importanti di ristrutturazione all'ultimo piano, comprensivi di un impianto di condizionamento canalizzato, è possibile tutelarsi rispetto a eventuali danni qualora il condominio non agisca?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?