IL CURRICULUM RICHIESTO AL NUOVO AMMINISTRATORE

LA DOMANDA In occasione dell'ultima assemblea condominiale, in cui si votava la nomina del nuovo amministratore, è stato rifiutato, dall'attuale amministratore (che è stato alla fine riconfermato), il preventivo di un candidato alla carica di amministratore perché mancava la certificazione dei corsi di aggiornamento, prevista dal Dm 140, e quindi, secondo l'attuale amministratore, il preventivo era da considerare nullo. È corretto il comportamento tenuto dall'amministratore, oppure il preventivo poteva essere messo ai voti anche in assenza della certificazione richiesta dal Dm 140?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?