DIRITTI ACQUISITI PER LA CASA COSTRUITA ENTRO IL 1942

LA DOMANDA Un mio cliente ha un vecchissimo rudere, di circa 700 mc, ricadente in zona agricola, sul quale è possibile applicare il Piano casa ai sensi della legge regionale della Campania, n. 19/2009. Il fabbricato è situato su un lotto di circa 10.000 mq. Il mio cliente vorrebbe frazionare circa 2000 mq, compresa l'area di sedime del fabbricato, per poi donarli al figlio. L'ufficio tecnico comunale, con una nota, ha notificato che l'area da frazionare, anche ai fini ereditari, dovrà essere pari alla superficie utile per la realizzazione del fabbricato esistente (ovvero il rudere). Quindi, stando a quanto notifica l'ufficio tecnico, si dovrebbero frazionare 4.500 mq anzichè 2.000 mq proposti. La mia domanda è: è possibile frazionare solo i 2.000 mq e poi presentare il progetto? O bisogna frazionare i 4.500 mq, così come richiamato nella nota dell'Utc?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?