I CRITERI DI RIPARTO SPESE SI CAMBIANO ALL'UNANIMITÀ

LA DOMANDA Nel nostro condominio dovremo affrontare la ristrutturazione del vano scale. Alla prossima assemblea si dovrà approvare la tabella B, ma non so se ci riusciremo dal momento che, temo, ci sarà parità di teste tra voti a favore (i proprietari del 1° e 2° piano) e proprietari contrari (quelli del 3°e 4°). Si tratta di un palazzo relativamente piccolo. Nel caso ci sia parità di teste tra voti a favore e contrari, si può far valere, in seconda istanza, la maggioranza di millesimi? Se per i motivi sopra elencati non si riuscisse ad approvare tale tabella, si potrà comunque far valere i criteri stabiliti dall'articolo 1124 del Codice civile per la ripartizione delle spese anche in assenza di una tabella B (per esempio deliberando a maggioranza di millesimi che tale criterio venga adottato per ripartire le spese del vano scale)?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?