I COSTI DELL'USO PRIVATO DELLA VETTURA IN BENEFIT

LA DOMANDA Abbiamo il caso di una dipendente, residente a Bologna, che si reca giornalmente alla sede dell'azienda, presso la quale è stata assunta, a Cattolica, con un'autovettura a uso promiscuo, concessa come fringe benefit. Il carburante utilizzato per i tragitti da casa alla sede di lavoro, o utilizzato nei periodi di ferie, è da considerare sempre a carico dell'azienda?È possibile, senza incorrere in rivendicazioni da parte della dipendente, stipulare un accordo tra le parti per limitare la spesa dell'azienda al solo carburante utilizzato per fini aziendali e non anche per fini personali?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?