A SERVITÙ CONCESSA SI VERSA UN'INDENNITÀ

LA DOMANDA Ho una seconda casa in Italia, in un comune della provincia di Livorno. La casa, singola, ha un accesso pedonale stretto (circa 70 cm) sulla via pubblica, senza marciapiede. Per aumentare la sicurezza di accesso e abbattere la barriera architettonica, vorrei creare un accesso pedonale di circa 120 centimetri, senza gradini, spostando l'accesso lateralmente, cioè accedendo dalla corte confinante, aperta. Che fare?Questa corte è una pertinenza di un edificio comunale attualmente in disuso. L'accesso a questa corte pertinenziale è aperto a tutti: attualmente è utilizzato come parcheggio libero. Vi insistono già delle servitù di passo di altri vicini.Come devo procedere per spostare l'accesso pedonale e avere una nuova servitù di passo alla mia casa? il comune, come proprietario dell'area adibita a corte e parcheggio, può opporsi?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?