I COSTI DI MESSA A NORMA DEI GARAGE INTERRATI

LA DOMANDA Possiedo un appartamento in un condominio che ha ottenuto l’agibilità nel 1992, sulla base della dichiarazione del costruttore secondo la quale, nel piano interrato, (2.000 mq) avrebbero parcheggiato al massimo 47 veicoli. Nel 2008, in seguito ad un piccolo incendio sviluppatosi al piano interrato (in un locale con destinazione garage ma adibito, dal proprietario di un pub, a cucina), è emerso che il condominio era senza certificato di prevenzione incendi e che le planimetrie depositate al comando dei vigili del fuoco e in comune erano difformi da quelle reali. Dopo vari amministratori, sostituiti per inerzia, si cerca ora di mettere a norma la situazione. Leggendo le risposte dell'Esperto risponde, la spesa per la messa a norma sarebbe da ripartire tra i soli condomini proprietari di locali nel piano interrato. A mio parere (e di stimati studi legali) dovrebbe essere ripartita sulla base della tabella millesimale globale. È possibile un chiarimento?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?