IL PART TIME ALLA PORTIERA SOLO IN BASE A UN ACCORDO

LA DOMANDA Abbiamo una portiera, nel nostro condominio, assunta nel 2004 con contratto a tempo indeterminato e full time, con alloggio. L'assemblea condominiale ha deliberato di ridurre l'orario di lavoro, da 48 a 24 ore, e conseguentemente la retribuzione del 50%, conservandole però il diritto all'alloggio. Per l'altra parte della giornata è stata assunta una persona con la qualifica di operaio che, per effetto della decontribuzione prevista dalla legge per i nuovi assunti, consente un risparmio di circa 5.000 euro l'anno. La portiera, che ha avuto problemi di salute, con periodi anche lunghi di assenza, senza però mai superare i limiti previsti dal contratto dei portieri, e non è mai stata oggetto di richiami di alcun genere. Si chiede se non siamo di fronte ad un abuso di posizione dominante o se è lecito il comportamento dell'assemblea.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?