DOCUMENTI NON PRESENTATI, DOMANDA IMPROCEDIBILE

LA DOMANDA Nel 1986 è stata presentata domanda di condono edilizio, a norma della legge 47 del 1985. Successivamente, nel corso del 1989, il Comune ha chiesto una serie di documenti ai fini dell'istruttoria della pratica, che non sono mai stati prodotti. Fermo il regolare pagamento di quanto dovuto per il condono alle diverse scadenze, a oggi, mancando ogni provvedimento dell'ente, è ancora possibile ottenere la sanatoria richiesta, magari producendo la documentazione richiesta nel 1989, anche in parte, dato il notevole lasso di tempo intercorso e la mutata conformazione del bene, oppure la domanda deve ormai essere considerata improcedibile? Il quesito viene posto anche alla luce di quanto sancito dalla Corte costituzionale con la sentenza 117 del 2015, trattandosi di un immobile ubicato in Campania.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?