NULLA LA DELIBERA SULLA PULIZIA «A TURNO»

LA DOMANDA In uno stabile i condòmini hanno stabilito all'unanimità di effettuare la pulizia del vano scala a turno. Da più di due anni un condomino ha posto in vendita la propria abitazione e non effettua più la pulizia, nonostante i solleciti. Poiché è imminente la vendita dell'appartamento, al nuovo proprietario può essere chiesto di adempiere agli obblighi arretrati, effettuando la pulizia per un periodo continuativo di tempo corrispondente al periodo in cui doveva farla il precedente proprietario nei due anni trascorsi? Il condomino "subentrante" è tenuto a questo obbligo, come dovrebbe essere tenuto a effettuare eventuali pagamenti arretrati relativi agli ultimi due anni?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?