APERTURA DI FINESTRE LECITA SE NON LEDE DIRITTI ALTRUI

LA DOMANDA Dopo 50 anni ho scoperto che, nel progetto originale del palazzo dove abito, depositato al Catasto, era prevista una seconda finestra nel salone del mio appartamento, così come ce l'hanno tutti gli altri alloggi. Anche la visura catastale riporta la finestra. Non so come mai non sia stata realizzata. Ho fatto la comunicazione in Comune per l'apertura della finestra e mi è stato risposto che non solo posso, ma devo fare il "ripristino", perché la superficie stanza/luce è inferiore ai limiti di legge. Ora il condominio, in assemblea, mi ha proibito di aprire la finestra. Come devo comportarmi?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?