LA DELIBERA SULLA POLIZZA VINCOLA TUTTI I CONDÒMINI

LA DOMANDA Salvo errore, la stipula della polizza condominiale non è un obbligo di legge né, quindi, rientra fra i compiti dell'amministratore. Accade però che l'assemblea investa di tale incombenza l'amministratore. Se un condomino sostiene di essere già coperto dalla propria polizza personale anche per danni alle parti comuni, può chiedere di essere escluso dal pagamento del premio e dalla relativa copertura? Se la risposta fosse affermativa, accadrebbe che per ogni sinistro l'amministratore dovrebbe preoccuparsi di avvisare anche il condomino escluso dalla copertura (affinché attivi la propria compagnia, se crede) e ad ogni indennizzo ricevuto dovrebbe chiedere allo stesso il rimborso diretto per la sua quota millesimale non coperta dalla polizza condominiale. Immagino cosa potrebbe accadere se più d'un condomino compisse la stessa scelta. La delibera assembleare che approva la stipula della polizza non vincola anche la minoranza?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?