ESECUZIONI IMMOBILIARI SENZA TERMINI PRESCRITTIVI

LA DOMANDA Ho vinto una causa civile dopo tre gradi di giudizio tutti a mio favore. La controparte, purtroppo, ha voluto resistere. Ora vanto un credito superiore a centomila euro. Ho fatto pignorare i suoi immobili e attendo già da dieci mesi che il giudice li faccia valutare per andare all'asta, in quanto la controparte non vuole o non può pagare. Chiedo: esiste un limite massimo di tempo entro il quale il giudice deve agire o non vi è limite? Inoltre, poiché in caso di decesso della controparte soccombente tali immobili cadrebbero in successione a favore dei figli e/o della moglie, cosa accadrebbe al pignoramento? Seguirebbe naturalmente gli immobili o dovrei attivarmi per renderlo nuovamente efficace nei confronti degli eredi? Infine, dieci mesi di attesa sono un tempo normale?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?