LA CABINA ELETTRICA È PROPRIETÀ CONDOMINIALE

LA DOMANDA In un palazzo condominiale esiste una cabina di trasformazione Enel sin dalla costruzione dello stesso (nel 1973), e mai l'ente elettrico è stato chiamato a contribuire alle spese sia ordinarie che straordinarie. Presumo, senza averne la certezza, che sia in essere una servitù coattiva di elettrodotto e che il costruttore, al momento della costruzione dell'immobile, vi sia stato quasi "costretto", per poter fare gli allacci elettrici alle varie unità immobiliari dello stabile. Considerato che sono in corso di revisione le nuove tabelle millesimali, il locale cabina elettrica può o dev'essere inserito nelle nuove tabelle? L'Enel può essere chiamata a pagare le spese di manutenzione ordinarie e straordinarie (particolarmente per lavori su facciata e lastrico solare, e per la manutenzione del cortile, ove ha il diritto di accesso per lavori alla cabina)?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?