VALUTAZIONE DELLE PROVE: AMPI POTERI AL GIUDICE

LA DOMANDA Nelle cause del lavoro è vero che il giudice, nel fondare le sue conclusioni, ha facoltà di scelta sulle prove fornite dalle parti nel processo e, in particolare, ha libera facoltà di scelta tra una prova testimoniale e una documentale, anche se quest’ultima è unanimemente considerata prova regina? Quando si incrociano prove testimoniali e documentali non concordi, ai fini dell’accertamento giudiziale secondo verità, è prevista una gerarchia delle prove?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?