RILEVA LA CAPACITÀ DELLA SOCIETÀ SUBENTRATA

LA DOMANDA A seguito di una gara, un Comune ha aggiudicato i lavori di costruzione della piscina a un Rti (raggruppamento temporaneo di imprese) composto da più società. Successivamente, tale società ha stipulato unatto pubblico con una società terza (società di progetto) cui è stata ceduta la concessione per la realizzazione. Questa nuova società di progetto, che ha forma di Srl, è composta dalle due società che costituivano il Rti, con una percentuale, di capitale sociale, della società Alfa pari al 90 e della società Beta pari al 10 per cento. Su un ammontare di 7 milioni di euro di lavori da fare, la società di progetto deve ancora realizzarne 2 milioni entro fine anno, lavori compensati in parte dal Comune e in parte con fondi esterni, anche pubblici. Tuttavia, qualche giorno fa il Comune ha ricevuto da Alfa la comunicazione di richiesta di concordato preventivo. Come bisogna agire? La società di progetto è comunque estranea alle vicende del socio di maggioranza o bisogna formalizzare la risoluzione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?