CONTRATTO RENT TO BUY: LE CAUTELE DELLE PARTI

LA DOMANDA Avrei la possibilità di vendere un appartamento del valore di 100mila euro con un contratto "rent to buy", per atto pubblico. Il contratto avrebbe una durata di otto anni, con l'obbligo di acquisto per la controparte, su cui graverebbero anche tutte le imposte di registro e di bollo. Tenuto conto che la locazione di mercato è di 600 euro mensili, non mi è chiaro, tuttavia, come fissare la quota di canone mensile. Ha senso fissare un canone mensile di 750 euro (da trattenere integralmente in caso di inadempimento del conduttore), di cui 250 a titolo di locazione e 500 a titolo di acconto sul prezzo, con saldo finale di 52.000 euro?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?