RIMBORSO DIFFICILE PER I VOLI RINVIATI A CAUSA DI MALATTIA

LA DOMANDA Ho prenotato un volo di andata e ritorno per due persone con una compagnia aerea italiana a fine 2015; il viaggio era previsto per febbraio 2016. Pochi giorni prima della partenza, mi sono ammalato, una comune influenza, che mi ha però provocato uno stato febbrile abbastanza importante, tale da rendermi impossibile il viaggio. Essendomi assentato dal posto di lavoro, il medico mi ha rilasciato due certificazioni, una indirizzata all'Inps e al datore di lavoro e una alla compagnia aerea, quale dimostrazione di impedimento al viaggio. Come previsto dall'articolo 945 del Codice della navigazione, al fine di ottenere il rimborso del biglietto, ho prontamente avvisato la compagnia aerea del mio impedimento e ho trasmesso via mail copia della certificazione (prima della partenza prevista). L'aerolinea rifiuta però il rimborso del biglietto in quanto la certificazione trasmessa non è stata redatta da un'azienda ospedaliera. È un comportamento lecito?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?