LA SERVITÙ SI COSTITUISCE ANCHE PER USUCAPIONE

LA DOMANDA Una persona fisica è proprietaria di due unità immobiliari al primo piano, divise da un lastrico solare di circa tre metri. Nel 1975 vende uno dei due appartamenti a due coniugi, mentre nel 1985, abitando nell'altro appartamento, chiede la tasformazione di una finestra per accedere sul lastrico, adibendolo a terrazzo. Deceduti i due coniugi, l'abitazione viene messa in vendita ed acquistata nell'ottobre del 2015 da mia suocera che, con sorpresa scopre che gli occupanti (non più il proprietario, ma gli inquilini) dell'abitazione accedono sul lastrico utilizzandolo (ci mangiano, ci tengono i fiori, ci stendono i panni) arrivando fino alle sue finestre, imponendole la continua presenza di persone che transitano e sostano davanti alle sue finestre.È lecito costituire (avere costituito) una tale servitù? Può la suocera contestare le distanze minime di luce e di veduta? Se sì, i termini possono andare in prescrizione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?