IL TAGLIO DEI RAMI SPORGENTI SULL'AREA DEL VICINO

LA DOMANDA La mia casa con giardino è separata da quella del vicino da un muro alto 2 metri circa. A 75 cm da questo muro, dieci anni fa, ho piantato un filare di alberi da siepe (che ora hanno raggiunto un altezza media di m. 4). In quella del vicino, da vent’anni, a circa 3 metri dal muro, s’innalzano 5 grossi pini con altezza media di 6 metri, i cui rami in parte si estendono per circa 3 metri sul mio terreno con cadute periodiche di grosse pigne. Avendoli informati che avrei proceduto a tagliare le cime dei mie alberi ad un altezza di 3,5 metri, per rispettare la privacy reciproca, avrei anche proceduto a tagliare i rami dei loro alberi che si estendono sul mio terreno. Mi hanno risposto con una diffida da parte del loro legale a non toccare tali rami. Chiedo quali sono i miei doveri per quanto riguarda i miei alberi e i diritti a tutela dell'incolumità mia e dei miei familiari per la caduta delle pigne.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?