CONDANNA INAPPLICATA: CHI DEVE RISPONDERNE

LA DOMANDA Il 6 settembre 2013 è stata depositata la sentenza del giudice di pace a favore di mio marito (il giudice ha stabilito un rimborso complessivo di 2.823 euro, più interessi e rivalutazione monetaria, nonché il pagamento di 1.200 euro per le spese processuali).L'avvocato però ha lasciato passare molto tempo (nonostante continui solleciti da parte nostra), fino a che il debitore (una società Srl) ha chiuso i battenti il 13 maggio dello scorso anno. Il liquidatore ha dichiarato, nel verbale di cessazione, di aver pagato tutti i debiti, cosa non veritiera, visto che resta il nostro debito. Ora vorrei sapere se esista una sola possibilità di riuscire ad incassare quanto ci spetta.Quale responsabilità ricade sul liquidatore?L'avvocato che non si è mosso nei tempi normali ha qualche responsabilità?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?