SANZIONI PECUNIARIE PER LA VOLTURA OMESSA

LA DOMANDA Con scrittura privata, mai catastalmente volturata, i fratelli comproprietari di circa 600 metri quadrati di terreno lo vendettero e cedettero, nel 1993, a uno di essi. Dal 1993 al 2005, anno del suo decesso, questo fratello eseguì sull’immobile opere abusive di edilizia, recintando, peraltro, anche una parte di terreno appartenente al Demanio marittimo, per cui il Comune, dopo aver emesso nei suoi confronti varie ordinanze di ripristino dello "status quo ante", lo denunciò all’autorità giudiziaria, che ordinò il sequestro del terreno. Nel 2012, a sette anni dal decesso di questo fratello, l’autorità giudiziaria dissequestrò l’immobile in questione, dandone comunicazione a uno dei fratelli venditori, solo perché essi risultano ancora catastalmente intestatari.Si chiede se i fratelli superstiti, non più possessori di questo terreno, possono incorrere in qualche violazione.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?