SE IL BOLLETTINO ORIGINALE VIENE CHIESTO DOPO 30 ANNI

LA DOMANDA Il Comune mi chiede, dopo 30 anni, di completare la documentazione del condono edilizio, visto che una parte dei documenti richiesti erano già in suo possesso. Tra l'altro, mi chiedono l'originale del versamento della terza rata dell'oblazione, perché quello in loro possesso è in fotocopia e all'epoca non è stato registrato. In realtà, anch'io possiedo solo una fotocopia, e il tecnico che all'epoca ha istruito la pratica ed era in possesso degli originali non è più tra noi. All'ufficio postale dove, all'epoca, è stato fatto il versamento mi hanno detto che dopo dieci anni va tutto al macero. Come devo comportarmi?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?