LA VALIDITÀ LEGALE DELL'UTILIZZO DELLA PEC

LA DOMANDA Ho un quesito sulla mail di posta certificata di una persona fisica, ad uso privato, non per attività commerciale o altro. Sono un cittadino che ha sentito parlare della Pec, riconosciuta come raccomandata, se la missiva intercorre con altra Pec. Ho alcuni dubbi:1) se apro una Pec, l’indirizzo deve contenere il mio nome e cognome o, come per le altre caselle di posta elettronica, può essere di fantasia?2) La corrispondenza da Pec a Pec ha valore di raccomandata con avviso di ricevimento o come raccomandata semplice?3) Se un mio familiare utilizza la mia Pec (nell’indirizzo c’è il mio nome e cognome) per contattare altra Pec per questioni sue personali, la missiva ha anche in questo caso valore di raccomandata? A esempio: se mio figlio spedisce ad altro indirizzo Pec una domanda di assunzione, la domanda si può considerare presentata con raccomandata con avviso di ricevimento?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?