I DIRITTI DI VEDUTA ACQUISITI POSSONO ESSERE TUTELATI

LA DOMANDA Abito in una casa a schiera (quindi abbinata ad altre case), ai cui lati c'è una rete a rombi metallica, lunga cinque metri e alta 135 centimetri, che, dalla costruzione della casa stessa, hanno sempre segnato confini con l'abitazione vicina. Adesso il mio vicino ha presentato una Cael (comunicazione attività edilizia libera) in Comune per fare, dalla sua parte attaccata alla rete di confine esistente, un'altra rete metallica, alta 260 centimetri e tutta ricoperta con un telo oscurante. Ho perso completamente la visibilità laterale e, ovviamente, la luce che prima avevo e adesso non ho più: basti dire che ho la finestra della mia sala, al piano terra, a soli 190 centimentri da questa rete. Inoltre, il vicino non mi ha chiesto alcun permesso: avrebbe dovuto farlo? Io ho letto che, quando si è acquisito un diritto alle vedute, anche laterali, non è possibile che queste vengano tolte. È così? E, comunque, qual è il consiglio dell'esperto in questo caso?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?