IL 770 NON INVIATO PUÒ ESSERE MOTIVO DI REVOCA

LA DOMANDA Durante un’assemblea condominiale l’amministratore non esibiva il modello 770/2014. Pertanto, posto che nel bilancio consuntivo dell’anno 2014 veniva riportato, quale spesa per redazione e invio telematico del 770/2014, il compenso corrisposto a un professionista, nei giorni successivi ho chiesto di poter accedere agli atti amministrativi presso l'agenzia delle Entrate. Quest'ultima rigettava la mia richiesta, ma l'accesso mi è stato reso possibile dopo avere presentato ricorso alla Commissione di accesso ai documenti amministrativi presso la Presidenza del consiglio dei ministri. Dalla visione degli atti risultava che il modello 770/2013 non era stato proprio presentato, mentre il modello 770/2014 era stato presentato tre giorni dopo la mia richiesta di accesso agli atti, e comunque fuori dai termini temporali previsti dalla normativa fiscale. Ci sono i presupposti per fare un esposto nei confronti dell’amministratore? Lo si può revocare, presentando istanza al Tribunale e chiedendo i danni?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?