FONDO NON PIÙ «INTERCLUSO»: LA SERVITÙ VIENE MENO

LA DOMANDA Sono proprietario di un terreno che, insieme con altri, è stato finora assoggettato a una servitù passiva di passaggio, a favore di fondi interclusi privi di altra possibilità di raggiungere la strada pubblica. Ora quei fondi interclusi sono stati acquistati da un altro titolare confinante, che li ha uniti al proprio. Questo soggetto è perfettamente collegato alla via pubblica. Penso che nella mutata, nuova situazione, i fondi acquistati abbiano perso l'interclusione e, quindi, anche la servitù legale attiva di passaggio sul mio terreno: il nuovo proprietario, infatti, ora può raggiungere la strada pubblica transitando sulla sua proprietà. Gradirei sapere se è giusta la mia considerazione e, in caso positivo, qual è la via legale da seguire per far pronunciare l'avvenuta cessazione della servitù.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?