UN AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO PER L'INCAPACE

LA DOMANDA L'intestataria di un libretto postale soffre di demenza senile. Il delegato (uno dei figli della donna, per il quale la delega era stata fatta prima che intervenisse la malattia) può ritirare l'intera somma degli arretrati accreditati dall'Inps, relativa al cosiddetto sussidio di accompagnamento, e disporne a suo favore e a suo piacimento, senza dare conto agli altri fratelli e alla stessa intestataria del libretto? In caso di risposta negativa, cosa si può fare affinché la somma sottratta rientri di nuovo a disposizione dell'intestataria, per fare fronte a eventuali bisogni della stessa, considerate la sua età e la sua situazione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?