SPESE DI ADEGUAMENTO SECONDO L'UTILITÀ

LA DOMANDA Abito in un condominio di otto piani, all'interno del quale, negli anni Novanta, si decise di modificare l'impianto di riscaldamento condominiale con riscaldamento autonomo; all'epoca l'assemblea decise di non installare canne fumarie e, quindi, si fecero scarichi a parete. Recentemente, anche a seguito della sostituzione della vecchia caldaia con una di identico tipo, ho ricevuto una ispezione da parte di un tecnico comunale, che ha contestato lo scarico a parete (in facciata). Ho investito del problema l'amministratore, il quale risponde che si tratta di un problema individuale. Come può essere individuale quando l'intero condominio è nella mia stessa situazione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?