IL RENDICONTO APPROVATO NON ESENTA DA INTEGRAZIONI

LA DOMANDA Nel 2013 con la riforma del condominio è stato aperto il conto corrente condominiale in un istituto bancario. Al 31 dicembre 2013 l'estratto conto bancario esponeva un saldo positivo di circa 1.500 euro, che il nostro amministratore non riportava nel rendiconto consuntivo 2013. Anche nel rendiconto consuntivo 2014, egli ometteva questo saldo tra le disponibilità di inizio anno, e trascurava altresì di inserire nel rendiconto consuntivo 2014 il saldo attivo del conto corrente bancario al 31 dicembre. I rendiconti sono stati comunque approvati dall'assemblea, nonostante che alcuni condòmini abbiano fatto mettere a verbale tale "anomalia" contabile.Alla luce dei fatti descritti, si possono definire i suddetti rendiconti "potenzialmente non veritieri" (si veda la sentenza della Corte di appello di Milano del 20 maggio 1992) e, quindi, affetti da nullità? Non avendo impugnato le delibere a suo tempo, ora cosa possiamo fare per sistemare la situazione patrimoniale del condominio, dal momento che l'amministratore è "sordo" ai nostri appelli?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?