DIFFERENZE TRA STANDARD URBANISTICI E QUALITATIVI

LA DOMANDA Tramite una osservazione, il proprietario di un terreno, in occasione della redazione del Pgt (piano di governo del territorio), ha chiesto e ottenuto, a fronte dell'impegno unilaterale di realizzare opere a standard qualitativo per 320.000 euro, la variazione della destinazione urbanistica del suo terreno, da area per attrezzature tecnologiche ad area per attività produttive. Con riferimento alla normativa regionale lombarda (articolo 73 della legge 12/2005), l'8% delle opere a standard qualitativo, cui si è reso disponibile il proprietario del terreno, dev'essere accantonato al fondo per finanziare quanto previsto all'articolo 71 della medesima norma?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?