L'UTILIZZO DELLA CASA RICHIEDE UN CONTRATTO

LA DOMANDA Quattro fratelli (la madre ha rinunciato) ricevono in eredità un appartamento dal padre. Come per un tacito accordo mai formalizzato in forma scritta, uno dei fratelli va ad abitare nell'immobile lasciato in eredità. Ora, a distanza di anni, un altro dei fratelli reclama l'affitto per la sua quota parte, tenendo conto che sempre durante questo periodo la madre ha continuato a pagare tutte le tasse come se fosse stata usufruttuaria, e comunque gli altri fratelli godevano di altri benefici stabiliti a discrezione della madre.La domanda è: può il fratello chiedere l'affitto arretrato in assenza di un regolare contratto scritto e registrato? Se sì, a quali condizioni? Quali le possibili conseguenze della mancata sottoscrizione e registrazione del contratto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?