L'ASCENSORE NEI CONDOMÌNI CON INGRESSO IN COMUNE

LA DOMANDA Una complessa proprietà, originariamente di un unico soggetto, a seguito di successioni, è stata suddivisa in un primo fabbricato (ora condominio),ed un secondo fabbricato (ora condominio) costituito da 2 appartamenti con diritto di ingresso e passaggio tramite la scala del primo (le coperture sono autonome). Successivamente, a mezzo di atto notarile, è stata riconosciuta la proprietà comune, per i due fabbricati, dell'ingresso e del vano scale, nella proporzione di 823/1000 per il primo e 177/1000 per il secondo. Il primo condominio, che ha un amministratore, delibera e semplicemente comunica al secondo (che non ha amministratore) la sua quota spese. È corretto? L'innovazione di un ascensore nella scala comune deve prevedere nella formazione della maggioranza anche le 177/1000 quote del secondo condominio?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?