IL RIMEDIO AL FORO PRODOTTO NEL SOFFITTO DEL VICINO

LA DOMANDA A seguito di un intervento di ristrutturazione, la ditta esecutrice ha causato una rottura (foro sul soffitto) nell'appartamento sottostante. Dopo aver provveduto alla riparazione del foro (circa 10 cm di diametro), si doveva provvedere alla tinteggiatura della sola parte riparata, o dell'intero soffitto. La persona danneggiata pretende invece che venga tinteggiata in toto la stanza, che però presenta uno stato di ammaloramento generale, essendo un'abitazione sulla quale non vengono effettuati interventi da oltre 20 anni, con la vernice risulta distaccata su alcuni punti, con presenza di macchie non certo causate dal danno recente. Si chiede se sia corretto pretendere la tinteggiatura di tutto il locale con un intervento che comporta la raschiatura della vernice preesistente e la stuccatura, dunque molto oneroso e, in ogni caso, non legato all'evento di rottura accidentale.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?