AZIONE DI RIDUZIONE PER LE QUOTE NON DISPONIBILI

LA DOMANDA Siamo fratello e sorella. Nel 2007, morto nostro padre, abbiamo trasferito le disponibilità liquide, d'accordo con nostra madre (senza rinuncia all'eredità, ma come "parcheggio"), sul conto a lei intestato, con le procure sul conto a nostro favore e polizze assicurative intestate alla mamma, con noi fratelli beneficiari. A settembre 2007 nostra madre ha acquistato un immobile a lei intestato. A luglio 2008 è deceduta: nel frattempo aveva fatto testamento, lasciando l'immobile a uno dei miei figli e le disponibilità liquide e delle polizze assicurative, delle quali aveva cambiato i beneficiari, ai miei tre figli e ai due figli di mia sorella.Io e mia sorella abbiamo, nel 2009, accettato l'eredità del padre e vorremmo iniziare, di comune accordo, un'azione di riduzione, stante che i miei figli hanno pubblicato il testamento. Vorremmo capire il valore dell'accettazione effettuata nel 2009 e che cosa si profila.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?