VOUCHER, TETTO A 7MILA EURO CON UNO O PIÙ COMMITTENTI

LA DOMANDA Nell'ambito del lavoro accessorio retribuito con i voucher, qual è il limite massimo del compenso annuale di un prestatore d'opera nei confronti di una unica committente, associazione culturale senza scopo di lucro? Il dubbio nasce dalla informativa generale Inps in cui si dice che i prestatori d'opera resa a committenti imprese commerciali e liberi professionisti non possono superare i 2.020 euro netti all'anno per ogni committente. È corretto sostenere che, se il committente è un ente senza scopo di lucro (quindi né una impresa commerciale né un libero professionista), il prestatore è soggetto al solo limite complessivo di 7.000 euro netti, anche svolgendo la sua attività per un solo soggetto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?