LA TERMOREGOLAZIONE PUÒ ESCLUDERE I VINCOLI D'ORARIO

LA DOMANDA Un condominio, in Emilia Romagna, ha installato la contabilizzazione di calore con termovalvole e ripartitori, con studio di un professionista abilitato, per anticipare le modifiche, obbligatorie dal 2016. La caldaia non è stata cambiata e non è a condensazione. In occasione dell'accensione sono sorte opinioni contrastanti sull'orario di accensione. Alcuni sostengono che la caldaia può restare in funzione 24 ore su 24 essendoci le termovalvole e i ripartitori di calore. Altri sostengono che occorre rispettare l'orario giornaliero massimo che per la zona è di 14 ore. Qual è l'opinione dell'esperto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?