LAVORI IRREGOLARI: L'IMPRESA PUÒ DIRE NO

LA DOMANDA Abbiamo un appartamento in un condominio anni 50, nel quale dobbiamo effettuare lavori straordinari (con Cila, comunicazione inizio lavori asseverata) per la nuova distribuzione dei vani e la creazione di un nuovo bagno, oltre al rifacimento dei due bagni esistenti, con rinnovo totale di impianto elettrico e idraulico.Per la creazione del nuovo bagno, vi è l'autorizzazione dal condominio per allacciarsi a una colonna di scarico e/o a un'altra, passanti in un angolo del vano ove transitano acque piovane. La colonna di scarico, però, confluisce in una fossa nera, e quest'ultima insieme a tutte le altre fosse, nere e chiare, scarica in una ultima unica fossa, che raccoglie tutti gli scarichi condominiali per immetterli nella fognatura comunale lungo la strada.Nonostante l'autorizzazione condominiale, l'impresa incaricata dei lavori si rifiuta di eseguire l'allaccio, ritenendolo illegale, perché in contrasto con la normativa comunale vigente.Il comportamento dell'impresa è corretto e giustificato?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?