IL CALCOLO DEL CALORE CON LA NUOVA NORMA UNI

LA DOMANDA In merito alle modifiche apportate alla norma Uni 10200, leggo che coloro che hanno già fatto i calcoli ai sensi della norma Uni 10200 del 2013 dovranno dare incarico ad un professionista di verificare la loro rispondenza alla nuova Uni 10200/2015.Nel nostro condominio, i ripartitori, perchè di questo mi pare si parli nei due punti modificati nella nuova Uni 10200, sono stati installati nel 2013; sono dotati di display per il controllo dei consumi e quindi dovrebbero essere regolari in quanto definibili come ripartitori programmati. È necessario assumere un professionista per le verifiche indicate? E perchè si dovrebbe poi convocare un'assemblea?Quanto ha a che fare tutto ciò con la contabilizzazione delle spese in base ai consumi effettivi previsti dalla legge 102/2014, il cui articolo 9 è rimasto invariato anche nello schema predisposto dalla conferenza delle Regioni?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?