L'ASSUNZIONE NEL RISPETTO DEI MINIMI CONTRATTUALI

LA DOMANDA Nel secondo semestre del 2011 ho iniziato a collaborare con una società per alcuni giorni fissi alla settimana, emettendo fattura mensile come partita Iva, anche se di fatto avevo vincoli di orario e di subordinazione. Da fine 2013, e per tutto il 2014, la società mi ha proposto un contratto part time a tempo determinato, con un lieve incremento delle ore da me dedicate al lavoro. Per il 2015 mi è stato riproposto il medesimo contratto part time a tempo determinato per un anno. Ora la società mi avanza questa proposta. Vorrebbe assumermi a tempo pieno con un contratto a tempo "indeterminato", prevedendo un compenso orario inferiore al mio compenso orario attuale. Appare tutto lecito? Possono propormi un contratto che prevede una riduzione della mia paga oraria?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?