LA RICHIESTA DI INTEGRAZIONE DELLA DOMANDA DATATA 1986

LA DOMANDA Nel 1988 ho acquistato un miniappartamento (18mq) in Calabria. Sapendo dell'esistenza di un condono, chiesi al notaio di indagare. Il notaio allegò, nell'atto, la richiesta di condono (anno 1986) e le ricevute di pagamento. Nel dicembre scorso, mi è pervenuta dal comune una richiesta d'integrazione della documentazione per una sanatoria presentata a nome della coniuge dell'effettivo richiedente, con protocollo e date diverse dall'originale. Io ho scritto al comune facendolo presente: per tutta risposta mi hanno inviato una nuova richiesta con i dati che avevo fornito io. Premetto che non possiedo nessuno dei documenti richiestimi e la loro produzione sarebbe abbastanza onerosa. Che cosa mi consigliate di fare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?