COMODATO: DUE LE STRADE NEL CASO DI SUCCESSIONE

LA DOMANDA Un anno fa, fu stipulato e registrato un contratto di comodato, uso abitazione, tra mia madre, usufruttuaria dell'immobile (del quale io avevo la nuda proprietà), e una persona. Tale contratto non ha data di scadenza.Con la morte di mia madre, sono diventato pieno proprietario dell’immobile per ricongiungimento dell’usufrutto alla nuda proprietà. Desidero sapere se il contratto di comodato stipulato a suo tempo è ancora valido (anche sotto il profilo fiscale) o se deve essere riscritto e registrato, indicando il mio nome come comodante.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?