SE L'AMMINISTRATORE «SCORDA» LA CONVOCAZIONE

LA DOMANDA In un condominio di 11 appartamenti, l’amministratore ha l’abitudine di non convocare annualmente l’assemblea ordinaria: l’ultimo esercizio approvato è quello del 2011. Nello stesso tempo, l'amministratore continua però imperterrito a chiedere trimestralmente il pagamento delle spese condominiali, che comprendono anche la sua parcella. L’ultima assemblea per approvare gli esercizi 2012, 1013 e 2014, interrotta per abbandono dei partecipanti a seguito di una uscita dell’amministratore poco felice, è stata convocata il 6 marzo 2015, solo a seguito di formale richiesta ex articolo 66 delle disposizioni d’attuazione del Codice civile; da allora, nonostante un richiamo formale ai suoi doveri, non ha ancora provveduto alla riconvocazione.Va aggiunto anche l'inerzia di numerosi condòmini. Che cosa si può fare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?