LA CHIUSURA DI UN ACCESSO SI DELIBERA A MAGGIORANZA

LA DOMANDA Abito in un contesto condominiale di otto edifici, disposti in linea per una distanza di circa 500 metri. L'ultimo edificio, quello dove abito io, si trova a poca distanza da un'area soggetta ad atti vandalici e decisamente mal frequentata (vi si trovano materassi per pernottamenti "di fortuna", siringhe eccetera). Abbiamo chiesto all'amministratore di chiudere l'accesso da questa parte di edificio, a tutela della sicurezza delle persone e delle parti comuni, suggerendo di utilizzare una struttura rimovibile, a spese di noi condòmini dell'edificio "confinante". L'amministratore ci ha detto che servirebbe il consenso di tutti i proprietari, ma gli altri non hanno intenzione di aderire a una chiusura totale. Che cosa possiamo fare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?