L'ADEGUAMENTO ISTAT TORNA INDIETRO DI 5 ANNI

LA DOMANDA Mia moglie è separata dall'ex marito, con il quale ha avuto due figli (oggi entrambi maggiorenni), per i quali lui versava un assegno mensile di mantenimento. Uno dei due figli (neolaureato) abita con noi, ma lavora quattro giorni alla settimana nell'azienda del padre con contratto di formazione, percependo uno stipendio di 600 euro al mese. Può il padre oggi sospendere la corresponsione dell'assegno, sostenendo che il figlio è economicamente autonomo? Lo può fare spontaneamente o è necessario un atto del giudice? In alternativa, può avere altre motivazioni per sospendere l’erogazione? Inoltre, dal momento che l’assegno mensile non è mai stato rivalutato in base agli indici Istat, si possono chiedere gli adeguamenti arretrati? Fino a quanti anni?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?